Profumi lontani

Mi piaceva l’odore della carta, il rumore leggero delle pagine sollevate. Mi piaceva la luce che entrava dalle finestre ed illuminava gli scaffali a volte dolcemente, a volte con energia. Mi piaceva il brusio del passeggio per il corso, che faceva compagnia e raccontava anch’esso delle storie. Mi piaceva pensare che ogni libro aspettasse una persona, ed io dovessi guidarlo verso quella giusta. Mi piaceva raccontare ciò che avevo letto. Mi piaceva ascoltare quello che gli altri avevano letto. Mi piaceva lo scacciapensieri appeso alla porta, che vibrava quando qualcuno era in cerca di qualcosa. Mi piaceva l’atmosfera calda che colorava anche le giornate più faticose, quando pile di libri luccicanti attendevano studenti. Mi piaceva l’anima che impregnava quel mondo. E poi mi sono piaciute anche le chiacchiere da caffè, brani letti e regalati a chi volesse ascoltarli ed innamorarsi di loro.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: